CARCINOMA DELLA PROSTATA AVANZATO – Integrazione tra terapie locali e sistemiche

Razionale Scientifico

Il carcinoma della prostata, per diffusione uno dei più comuni tumori umani, è oggi al centro di un dibattito scientifico molto attivo, secondario all’attuale fase di profonda trasformazione dell’approccio terapeutico, che è sempre di più integrato, multidisciplinare, e dispone di nuovi strumenti diagnostici e terapeutici.
È oggi possibile offrire ai pazienti terapie sia sistemiche sia locali prima non disponibili, e che comprendono al loro interno terapie ormonali di nuova generazione, chemioterapia, radioterapia, chirurgia e terapie “biologiche”. In particolare, le novità si concentrano nell’ambito della malattia a più alto rischio di recidiva e mortalità cancro-specifica, ovvero localmente avanzata e metastatica. Tutte le attuali possibilità terapeutiche, siano esse locali come la chirurgia o la radioterapia, o farmacologiche, sono spesso utilizzate in integrazione, e i loro utilizzo si fonda su un imaging sempre più avanzato. Avanzamenti sostanziali in ambito medico-nucleare (PET con traccianti specifici) e radiologico (RMN) hanno reso questa malattia più visibile, consentendo approcci mirati. Nel contempo, l’imaging si è arricchito di maggiore complessità, ha integrato approcci di intelligenza artificiale, e insieme ai nuovi fattori molecolari si candida a guida specifica per le scelte terapeutiche.
Per tali motivi, riteniamo importante affrontare tali tematiche con un evento scientifico dedicato ad alta specializzazione, e a carattere multidisciplinare, che coinvolga esperti nazionali, quale questo dal titolo “Carcinoma della prostata avanzato: integrazione tra terapie locali e sistemiche”, che si terrà in modalità webinar il 22 ottobre 2021. Sarà un’occasione di confronto scientifico e clinico, utile ai diversi specialisti e funzionale allo sviluppo di percorsi condivisi sulla malattia avanzata.

Programma

Event Details